shadow

Immagina: un mostro sta perseguitando il tuo bambino.

Il suo corpo non è materiale: alcune volte lo puoi vedere, altre volte no, tuttavia è ancora in agguato sul tuo bambino.
Ha molte teste, si moltiplicano minuto dopo minuto, ora dopo ora: non importa quante teste vengano tagliate, ne compaiono sempre di più.
I suoi occhi sono sempre aperti, anche quando il bambino dorme.
La voce è la somma delle sue mille teste, e le sue grida sono sempre più forti man mano che si moltiplicano.
Inoltre forse non tu genitore non sei in grado di vederlo, ma il tuo bambino sì, notte e giorno.

Questo è il Cyberbullismo, e questo mostro rappresenta come viene percepito dai nostri figli.

Che cosa è il cyberbullismo?

Il Bullismo Online è una forma particolare di bullismo che, a differenza della sua versione tradizionale, viene perpetrato attraverso mezzi on-line.

Abbiamo tre attori qui:

  • la vittima
  • il cyberbullo
  • l’osservatore

Mentre per il bullismo tradizionale questi tre ruoli sono rigidamente definiti, nel bullismo online sono sfumati, tanto che a volte si sovrappongono.
Inoltre, mentre nel bullismo tradizionale lo scopo è il danno fisico della vittima, nel bullismo online il focus è sul danno psicologico.
L’umiliazione è l’obiettivo finale, e gli osservatori sono i protagonisti: senza di loro il cyberbullismo perde la sua forza, rendendolo un gesto inutile.

Un altro problema è la mancanza di confini fisici. Il Web ha confini virtuali che coincidono raramente con i confini fisici.
E ti segue ovunque … perché lo porti con te in tutto il mondo.

Gli effetti del Cyberbullismo

E ‘ormai chiaro che l’efficacia di un atto di Bullismo Online non è nel suo contenuto di per sé, ma nella sua natura virale che aumenta la prova sociale.
I nostri figli vivono un’età (circa 10-16 anni), in cui l’approvazione sociale è più importante di qualsiasi altra cosa.
E’ l’età della socializzazione: i ragazzi si staccano dalla loro famiglia e iniziano a scoprire che c’è qualcosa di più: un Gruppo, all’interno del quale imparano i principi delle regole sociali.
Così chiedono un gruppo, hanno bisogno di un gruppo, e il gruppo presto diventa la loro seconda famiglia, se non la loro prima famiglia.
La loro identità quindi è legata al gruppo.
Questo è il motivo per cui gli effetti del Cyberbullismo sono così devastanti per i nostri bambini.
Pensaci: tutto il gruppo, la tua famiglia, si fa beffe di te, e la tua autostima crolla.
Per fortuna i nostri bambini chiedono sempre di aiuto.
La questione è che non chiedono come lo faremmo noi adulti, ma lanciano comunque segnali che dobbiamo essere in grado di riconoscere.

Come affrontare il Cyberbullismo?

Prima di tutto è necessario sapere che cosa è il Bullismo Online.
Se il Cyberbullismo è l’Hydra 2.0, allora i vostri bambini sono gli Eroi ma, a differenza dell’antica Idra, questo mostro moderno non ha corpo, rendendo difficile vincere questa guerra.

Prevenire il Bullismo Online è la chiave.

Anche se non siamo in grado di uccidere il mostro, siamo in grado di fornire ai nostri piccoli Eroi le armi giuste:

  • autostima
  • fiducia in se stessi
  • autonomia (circa le sue / suoi pensieri e le emozioni)
  • auto-efficacia
  • varietà di opportunità (in modo che capiscano c’è un po ‘di mondo su quei piccoli reati)

E, come per ogni Mito, l’Eroe non è mai lasciato solo e ha un intero villaggio che lo sostiene e gli da forza.
Il nostro compito è scoprire questo villaggio, alla ricerca di esperienze positive per i nostri bambini.

 

Da Monitori a Mentori

Ogni Eroe ha il suo Mentore che lo segue, gli suggerisce, se ne prende cura.
Il Mentore segue l’Eroe lungo le sue prove, e anche quando non si trova vicino a lui, la sua magia e i suoi occhi divini sono sempre sopra il nostro Guerriero.
Nell’affrontare la nostra moderna Idra, possiamo essere Mentori per i nostri figli, e li possiamo sostenere e stare vicino a loro, anche quando siamo lontani.

Carissimi genitori non lasciatevi indurre in errore dalle presunte competenze tecnologiche dei vostri figli, e prendetevi del tempo per comprendere che cosa realmente è il Bullismo Online.
Agire veloci su uno smartphone non significa essere in grado di comprendere il significato e le conseguenze delle proprie azioni.

Il Mentore non è mai più coraggioso nè più abile del suo Eroe, ma ha qualcosa di più potente e utile che il giovane Guerriero è ancora lungi dal raggiungere: le esperienze di vita.

Scritto da:

Ivan Ferrero

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *